Comunità

by Amministratore

UN ANNO TRASCORSO DA VOLONTARI

Si sta per concludere un altro anno che ci ha messi alla prova: molte iniziative aperte e purtroppo in stallo per lungaggini burocratiche a volte incomprensibili.  Il nostro pensiero, in questi…

L'INDIVIDUALISMO ASSOCIATIVO UN FENOMENO CHE COMBATTIAMO

L’emergenza in Emilia Romagna ha mostrato ancora una volta la grande disponibilità al volontariato degli italiani. Volontari sono però più fuori che dentro un’associazione. Lo stesso accade per l’attivismo civico…

Piccoli tasselli di vita di Colle di Lucoli

Il “quadro” di questo articolo si collega a una persona importante per il Colle fissandone il ricordo perché non venga dimenticato: Renato Giardini. Un personaggio sempre allegro e gentile che…

BORSA DI STUDIO “GIOVANI EREDI PER VECCHI MESTIERI” AGLI ALUNNI DEL LICEO ARTISTICO GRUE DI CASTELLI. MANUFATTI CERAMICI COLLOCATI NELLE FRAZIONI DI LUCOLI ALTO E VADO LUCOLI

In occasione di varie edizioni del Mercatino dell'Artigianato di Mezz'agosto organizzato dall’Associazione Amici di San Michele Onlus alla quale abbiamo partecipato è stata finanziata un’attività di ricerca sugli antichi mestieri con il coinvolgimento degli insegnanti e degli studenti del Liceo Artistico F.S. Grue di Castelli (TE).

Questa attività e stata realizzata dall'Istituto nel corso di diversi mesi di studio e lavoro e aveva l'obiettivo di approfondire e raffigurare, attraverso la creatività e la capacità espressiva del decoro ceramico, le tradizioni artigianali del passato.

Questo progetto, da noi sostenuto per quattro anni, si proponeva in primo luogo di valorizzare la coscienza dell'appartenenza al territorio di Lucoli della pala d'altare realizzata dal grande maestro Francesco Antonio Saverio Grue per la chiesa di San Michele Arcangelo di Vado Lucoli, conosciuta con il nome di "Paliotto di Lucoli" e ora custodita, nei frammenti rimasti, dalla Soprintendenza dell'Abruzzo.

Abbiamo proposto un collegamento con l’Istituto Artistico per il Design di Castelli, titolato al maestro e con i suoi studenti che diverranno ceramisti proprio perché a Lucoli il Paliotto vide la sua origine.

Ai nostri soci piacciono le cose che restano e che con la loro esistenza evocano storie, sensazioni, sentimenti e soprattutto la testimonianza del volontariato, quelle cose che alimentano i beni comuni di una comunità che deve ritrovarsi è per questo che ci siamo impegnati con questa attività.

Sono scomparsi moltissimi mestieri fino alla metà del secolo scorso, rimasti solo nella memoria dei più anziani. Non si può ignorare l'esigenza di conservarne la memoria storica nelle nostre più recenti radici, se non lo facessimo non potremmo comprendere appieno il nostro presente. Molti mestieri stanno scomparendo perché non più remunerativi, altri sono scomparsi insieme all'arrivo della modernizzazione, delle infrastrutture e del commercio dopo gli inizi del '900. Questo è stato il secondo obiettivo di questo progetto di ricerca: con le raffigurazioni artistiche su ceramica volevamo trasmettere le antiche sapienze dei mestieri dei nonni per illustrarle ai nostri figli.  Altro obiettivo del nostro progetto è stato quello di voler impreziosire con i decori artistici i borghi di due Frazioni di Lucoli: i manufatti sono stati incastonati nelle parti comuni dell'abitato per trasmettere arte e bellezza con le immagini dei saperi artigianali.